@ Il quaderno azzurro

by J.A.Levine | Literature & Fiction |
ISBN: Global Overview for this book
Registered by Kartyka of Caivano, Campania Italy on 8/30/2010
Buy from one of these Booksellers:
Amazon.com | Amazon UK | Amazon CA | Amazon DE | Amazon FR | Amazon IT | Bol.com
9 journalers for this copy...
Journal Entry 1 by Kartyka from Caivano, Campania Italy on Monday, August 30, 2010
Sono indignata.
Sono indignata perchè nel terzo millennio e in questo mondo che si da arie da evoluto, emancipato, ci sono ancora scrittori che sentono il bisogno di scrivere e denunciare la prostituzione e lo sfruttamento sessuale a danno dei bambini.
Tutto questo vuol dire che il mondo, il mondo in cui viviamo, non sarà mai pienamente evoluto o emancipato finchè continuerà a nascondere dietro le scoperte della scienza e della tecnica, dietro l'oro delle più svariate conquiste umane tutte quelle bambine dal sari rosa col bordo arcobaleno, proprio come quella che ha ispirato lo scrittore per il personaggio di Batuk, la protagonista del libro.
Batuk nasce dall'immaginazione di Levine ma non è una favola; Batuk è il grido di tutti quei bambini a cui ogni giorno viene strappato un pezzettino della propria infanzia, della propria innocenza; Batuk è il fantasma che dovrebbe perseguitare tutti coloro che si abbandonano al sordido mondo delle violenze contro i bambini e del cosiddetto "turismo sessuale"; le sue parole danno voce a chi non ne ha, luce a chi non ne vede più.
Le parole di questa bambina ci accompagnano nelle luride strade in cui spesso si impantanano le anime perdute ma ciò che traspare, nonostante tutto, è che alla fine della strada resta sempre un fioco bagliore di luce, come una forza inestinguibile, il fuoco di una speranza che può lentamente ardere anche nel ghiaccio.
"Non si può mai raddrizzare del tutto il metallo piegato" scrive Batuk,"lo si può solo rendere meno storto".
Ogni bambino, in ogni parte del mondo ha diritto alla vita, alla salute, al gioco, alla propria infanzia, ai propri ricordi, ai propri sogni...se un libro potesse bastare a raddrizzare tutte quelle vite piegate come il metallo di cui parla Batuk, se potesse rimettere insieme i pezzi di quelle vite spezzate, vorrei che il mondo si trasformasse in una grande libreria, vorrei che tutti potessero conoscere la storia di Batuk e di migliaia di bambini uguali a lei, uguali ai nostri bambini, uguali a noi da bambini.


Apro questo ring aspettandomi un gran numero di adesioni e di riflessioni e aggiungo poche e semplici regole:

-Non trattenete il libro per troppo tempo, se siete impegnati con altri ring o non avete abbastanza tempo da dedicare alla lettura chiedete di farvi spostare più in basso nella lista partecipanti;
-Non fate release notes ma solo j.e., una al momento dell'arrivo del libro e un'altra prima di farlo ripartire(sarebbe carino che la j.e non fosse "scarna" ma con qualche commentuccio!)
-Lasciate un segno! Fate in modo che il libro che tornerà nelle mie mani "sappia di voi" e dello spirito di condivisione che è alla base del B.C;per questo scrivete in tutti gli spazi in cui è possibile, sottolineate (a matita) le frasi che vi hanno colpito; inserite foto, segnalibri, cartoline, fogli e tutto quanto riteniate opportuno.

Buona lettura a tutti voi ma soprattutto buona riflessione su un tema così scottante.

Elenco dei partecipanti:
Alessiam1984
marnes
mitica88
Hydralux
ermy
syro
Roppa
MelibeaPotter <----
gabbianoautoritario
naelegia
meerahba
sara
Rastaman

Journal Entry 2 by Kartyka at Caivano, Campania Italy on Saturday, December 18, 2010
In partenza verso Alessiam1984, buon lettura e buone feste!

Journal Entry 3 by Alessiam1984 at Milano, Lombardia Italy on Tuesday, December 28, 2010
arrivato! non vedo l'ora di leggerlo..

Journal Entry 4 by Alessiam1984 at Milano, Lombardia Italy on Sunday, January 02, 2011
un libro davvero molto bello che ho divorato in 3 giorni..
Non ci sono molte parole per descrivere l'orrore provato leggendo delle violenze subite in orfanotrofio, della profonda spersonalizzazione e del furto dell'infanzia subito da questi bambini. Le parole graffiano e rimarranno impresse per molto tempo. Il finale, poi, è quasi fiabesco ma lascia trasparire la drammaticità e la profonda solitudine vissuta dalla piccola Batuk.

Spedisco la settimana prossima a Marnes insieme al quadernino trovato con il libro.

Journal Entry 5 by marnes at Firenze, Toscana Italy on Thursday, January 13, 2011
arrivato

Journal Entry 6 by marnes at Firenze, Toscana Italy on Monday, January 24, 2011
un libro che lascia una tristezza e un amaro in bocca fortissimi.L'ennesima storia di violenza chee ha per protagonista una bambina venduta dal padre e costretta a prostituirsi,come tanti come lei
Batuk nonostante tutto riesce a mantenere la sua umanità e la voglia di vivere attraverso le storie che scrive nel "quaderno azzurro"
Provo vergogna e rabbia di fronte a questa come a tutte le altre forme di violenza nei confronti di bambini che dovremmo proteggere e far crescere.Sono loro il futuro in qualunque parte del mondo
In partenza per mitica88

Journal Entry 7 by mitica88 at Alessandria, Piemonte Italy on Wednesday, January 26, 2011
Arrivato oggi! ^_^

Journal Entry 8 by mitica88 at Alessandria, Piemonte Italy on Saturday, March 26, 2011
Nonostante il libro tratti un argomento terribile, è scritto in una maniera talmente dolce che ti vien quasi voglia di cullare tra le braccia quella bambina cresciuta troppo in fretta e che per sfuggire all'orrore ricorre alla scrittura e alla fantasia.

Il libro è pronto a ripartire verso il prossimo anello, grazie per avermelo fatto conoscere :)

Journal Entry 9 by hydralux at Busto Arsizio, Lombardia Italy on Thursday, March 31, 2011
arrivato stamattina, inizio subito a leggerlo :)

Journal Entry 10 by hydralux at Busto Arsizio, Lombardia Italy on Friday, April 15, 2011
ho iniziato a leggerlo proprio come fosse una favola, e invece dopo poche pagine mi sono trovata incredula di fronte a questa pagine scritte con un'incrdibile leggerezza, ma che trattano di una realtà atroce.
è stato un vero e proprio schiaffo, che ha lasciato il segno.

quel che ho scritto su anobii:
Ci sono favole che raccontano di crudeltà terribili con la semplicità con cui si descrive un fiore, un castello, una pricipessa.
quel che è atroce nelle favole, è che a volte sono vere.

riparte domattina verso ermy, grazie davvero alla ringmaster per questo libro!

Journal Entry 11 by ermydave at Millesimo, Liguria Italy on Friday, April 22, 2011
arrivato

Journal Entry 12 by syro at Reggio Emilia, Emilia Romagna Italy on Thursday, August 09, 2012
Il mio doveva essere solo un passaggio tecnico per recuperare un ring bloccato, poi presa dall'entusiasmo ho chiesto di essere inserita anch'io.
Purtroppo é stato un periodo un po' incasinato e ho trattenuto il libro più tempo del previsto.
Ora é finalmente in partenza!

Il libro tratta un tema agghiacciante e doloroso: la violenza e lo sfruttamento sessuale dei bambini. La storia è molto bella e toccante. Ho apprezzato meno lo stile di scrittura: pur capendo l'intento dell'autore, la "leggerezza" e semplicità della narrazione nel trattare argomenti così crudi e dolorosi, a volte fa perdere d'intensità al romanzo.
Grazie a Kartyka per questo ring e per il quaderno di pensieri che l'accompagna :)

Journal Entry 13 by Roppa at Albavilla, Lombardia Italy on Thursday, August 23, 2012
arrivato a destinazione!
già da una settimana veramanente, non ho potuto registrarlo prima

Journal Entry 14 by Roppa at Albavilla, Lombardia Italy on Monday, October 08, 2012
Ho delle grandi difficoltà ad accettare storie come queste, il pensiero che queste situazione siano pura normalità in molti luoghi della terra mi lascia spaventata, e mi sento soprattutto impotente.
Ho una figlia di quasi 12 anni e mi si accappona la pelle se provo ad immaginarla al posto della giovane protagonista.

Spedito il libro la scorsa settimana a MalibeaPotter

Journal Entry 15 by MelibeaPotter at Quartu Sant'Elena, Sardegna Italy on Wednesday, October 24, 2012
Il libro è finalmente arrivato. Cercherò di non dilungarmi troppo.

Are you sure you want to delete this item? It cannot be undone.