Pecore nere

Registered by italianeowyn of Prata di Pordenone, Friuli Venezia Giulia Italy on 2/24/2010
Buy from one of these Booksellers:
Amazon.com | Amazon UK | Amazon CA | Amazon DE | Amazon FR | Amazon IT | Bol.com
This book is in the wild! This Book is Currently in the Wild!
2 journalers for this copy...
Journal Entry 1 by italianeowyn from Prata di Pordenone, Friuli Venezia Giulia Italy on Wednesday, February 24, 2010
Questo libro partecipa al ring "Prendere o scambiare" nato nel forum italiano di Bookcrossing-Italy.com.

È il libro a sorpresa proposto insieme a "Postmortem" a MartinaViola, prima partecipante al ring.



“Questo luogo è un mistero, un santuario. Ogni libro, ogni volume che vedi possiede un’anima, l’anima di chi lo ha scritto e l’anima di coloro che lo hanno letto, di chi ha vissuto e di chi ha sognato grazie a esso. Ogni volta che un libro cambia proprietario, ogni volta che un nuovo sguardo ne sfiora le pagine, il suo spirito acquista forza... "

L'ombra del vento, Carlos Ruiz Zafòn

I libri sono vivi, non sono soprammobili destinati a prendere polvere. Hanno il diritto di essere liberi e di viaggiare da lettore a lettore.





Read and Release at BookCrossing.com...


Journal Entry 2 by MartinaViola from Latina, Lazio Italy on Friday, March 05, 2010
il libro è arrivato stamattina!
un'antologia di racconti che promette molto bene: Pecore nere.
Grazie Eowyn per la cartolina e per il segnalibro stupendo.

Journal Entry 3 by MartinaViola from Latina, Lazio Italy on Monday, March 22, 2010
Sapere sempre dove sei ti può smarrire...
Ogni volta che mi sento persa, mi torna in mente questa frase.
È un verso di una canzone degli Afterhours: un verso che per alcuni può sembrare un controsenso, ma che, secondo me, racchiude un significato più profondo, anzi, direi che questa frase riassume uno stile di vita.
Quel senso di smarrimento, che scaturisce dalla distanza che percepiamo tra il nostro "io" e gli "altri", descritto nei racconti di queste giovani pecore nere, è una grande risorsa: i nostri confini interiori non sono definiti aprioristicamente, abbiamo la possibilità di guardarci intorno e scegliere dove andare. Perdersi significa esplorare, ignorare il percorso sicuro per andare incontro ad orizzonti sconosciuti.
La nostra identità è l'insieme delle strade percorse: la somma di tutte le volte che ci siamo persi e abbiamo superato il limite già segnato. I confini che abbiamo dentro possono cambiare forma e abbracciare aree differenti, senza che qualcuno riesca a dare una definizione di ciò che racchiudono e, a volte, proteggono. L'appartenenza ad una razza, ad una nazione, ad una cultura, ad una religione non possono definire ciò che siamo nella nostra interezza: questi dettagli indicano soltanto alcune zone del mondo che ci portiamo dentro, ed è proprio questo il bello: nessuno potrà mai indovinare chi siamo, soltanto guardandoci da fuori.
La cosa più divertente, però, è che spesso neanche noi conosciamo quello che ci portiamo dentro: sappiamo che c'è, da qualche parte tra il fegato e i reni, ma non siamo in grado di dargli un nome, di definirlo o inscatolarlo. Per nostra fortuna non c'è bisogno di catalogare tutto ciò che sentiamo, nè di dare un nome ad ogni emozione: è così e basta.

Questi racconti ci mostrano confini sempre più distanti, che abbracciano culture apparentemente inconciliabili: strati che si fondono, dando vita a nuove identità, ancora sconosciute ai più, ma non per questo meno forti. Ogni scrittrice spalanca una finestra sui suoi labili confini interiori e ne descrive il panorama, dipingendone i tratti con ironica onestà e tenendosi a debita distanza da sterili vittimismi.

Il progetto grafico di questo libretto (collana Contromano, Laterza) è davvero azzecatissimo: il formato, la grafica, l'impaginazione, la carta...chapeau!



Grazie Eowyn per avermi regalato questa splendida lettura.
Il libro riprenderà il suo viaggio tra qualche giorno.

Journal Entry 4 by MartinaViola at Ospedale Sant'Andrea in Roma, Lazio Italy on Tuesday, March 23, 2010

Released 9 yrs ago (3/24/2010 UTC) at Ospedale Sant'Andrea in Roma, Lazio Italy

WILD RELEASE NOTES:

WILD RELEASE NOTES:

Benvenuto!!
Hai trovato un libro liberato da me e sono contenta che tu abbia deciso di registrarlo!
Il Bookcrossing consiste nella liberazione di libri, allo scopo di poterne seguire il viaggio attraverso i commenti di coloro che li ritrovano. Coloro che vi partecipano, lo fanno gratuitamente e senza scopo di lucro, con il solo fine di diffondere il piacere della lettura. Il Bookcrossing è nato negli USA nel 2001, ed è attivo in Italia dal 2002. Il sito sul quale ci troviamo ora, è il sito principale che è, appunto, in lingua inglese. Esistono dei supporti internazionali, tra cui quello Italiano (QUI).

Puoi segnalare il ritrovamento di questo libro in maniera anonima (Anonymous Finder) oppure registrarti sul sito.
E' gratis e non comporta alcun vincolo!
Se decidi di registrarti puoi inserire il mio nickname (MartinaViola) nel campo 'referrer'

Ti chiedo solo una cosa: dopo aver letto il libro non tenerlo in casa a prendere la polvere, ma rilascialo a tua volta affinché possa continuare il suo viaggio e altre persone possano leggerlo!
Se ti registrerai, ogni volta che qualcuno inserirà una nuova Journal Entry nella pagina di questo libro verrai avvertito tramite e-mail e potrai così seguire il suo viaggio dopo che lo avrai rilasciato a tua volta.

Buona Lettura!

Are you sure you want to delete this item? It cannot be undone.