Le rose di Atacama

by Luis Sepùlveda | Literature & Fiction |
ISBN: Global Overview for this book
Registered by bernandosoares of Wood Green, Greater London United Kingdom on 1/30/2009
Buy from one of these Booksellers:
Amazon.com | Amazon UK | Amazon CA | Amazon DE | Amazon FR | Amazon IT | Bol.com
4 journalers for this copy...
Journal Entry 1 by bernandosoares from Wood Green, Greater London United Kingdom on Friday, January 30, 2009
Il viaggio, il vagabondaggio per il mondo, è il filo conduttore delle storie raccolte in questo libro. Lo scrittore narra le vicende di personaggi anonimi e marginali incontrati per il mondo, uomini e donne che hanno in comune l'aver fatto della propria vita una forma di resistenza. Un amico cileno che ha diretto la rivista Analisis, prima barricata della lotta contro Pinochet. Un cantante che ha partecipato alla Primavera di Praga. Un cameraman olandese ucciso dall'esercito del Salvador. Uomini che non hanno mai sperato di uscire dai margini, ma che per una volta sono affiorati, con le loro storie, dal buio dell'oblio. Come le rose che, in un solo giorno dell'anno, ricoprono il deserto di Atacama.

COPIA SOSTITUTIVA DEL RING DI IKKY PERSO DALLE POSTE!

Lista partecipanti:
- Lilly81
- svampyforever
- Anatolla-bis (Roma)
------> in the wild! :)

Journal Entry 2 by lilly81 from Genova, Liguria Italy on Tuesday, March 03, 2009
Arrivato stamattina!

Journal Entry 3 by anatolla-bis from Casablanca, Grand Casablanca Morocco on Thursday, June 04, 2009
non so come non so perche' il libro e' qui con me (roma)
Più riguardo a Le rose di Atacama

forum
ring di ikky perduto dalle poste...:(

Journal Entry 4 by anatolla-bis from Casablanca, Grand Casablanca Morocco on Sunday, August 09, 2009
"ci sono due frutti dell'ingegno umano che odio oltre misura: la motosega e il motore fuoribordo"
il libro ha viaggiato un po' anche con me, Sepulveda ha girato davvero tutto il mondo e tantissimi i personaggi che non vorrei mai dimenticare - 35 storie, fra umani straziati e natura martoriata, ho amato molto il porre uguale attenzione e amore verso tutto cio' che e' vita, vita umana e vita del pianeta.
In Cile:le rose di Atacama di Fredy Taberna, l'uomo che si ferma sulla riva del fiume nella Selva Aguaruna, un tal Lucas e gli altri ragazzi in Patagonia, il Prof.Galvez di Chillan, a Manu': Fitzcarraldo e il machiguenga, Don Giuseppe tano e bachicha per caso, Francisco Coloane don Pancho lo scrittore dei marginali, Juanpa il giornalista e Mastro Correa gasfiter e la voce del silenzio "Oscar" a Santiago, il Compa di Caleta Chica, la bruna e la bionda a Venezia
In Germania: Fritz Niemand di Wuppertal, il doganiere di Laufenburg, oder? – la ricerca di Anna Frank a Bergen Belsen, ad Amburgo, Don Carlos Galvez, il pirata dell'Elba Klaus Stortebecker, il gatto Zorba, Christa "Victoria" Buon Natale!
A Singapore e Timor: Mr Simpah e l’isola perduta di Lussinpiccolo in Croazia
Panama: Chuchu e Il viaggio di Vasco Nunez de Balboa
Ecuador: un uomo chiamato Vidal al mercato di Cayambe, Margherita e Rubens gli amanti della selva verde degli auca
In Lituania: Avrom Sutzkever e la Lapponia: Kvikkjokk e Jean Francois Regnard e Miss Orsa nera e a Mosca, le Rose bianche di Stalingrado di Inna Papsportnikova
e in Italia, i cavatori di marmo di Pietrasanta, la Sardegna e le balene del Mediterraneo, Rosella la piu bella e la trattoria del mercato di Asti
Argentina: Resistencia, la citta' del cane Fernando, Cordoba e il sessantottino Miki Volek e i Crazy boys di Praga
All'Havana Joselito Morales e il paradiso di Papa Hemingway e in Mozambico l'hotel Siviglia di Maputo e la ricerca di Yanez nella taverna di Tamatave
In Spagna: i fratelli Duarte, uruguayani (aereoporto di Madrid, volo per Mosca) e le Asturie dal 1997 definitivamente! e gli asturiani.
Non e’ difficile essere felici dicono gli asturiani “fin quando si sente una cornamusa e c’e’ sidro in cantina”

Journal Entry 5 by svampyforever from Brugine, Veneto Italy on Wednesday, August 19, 2009
Arrivato ieri! :)

Journal Entry 6 by svampyforever from Brugine, Veneto Italy on Tuesday, November 17, 2009
"O se ye de los otros o se ye de los nuestros, o sei degli altri o sei dei nostri. E chi sono i nostri? Quelli che sono stati fottuti, quelli che vengono sconfitti senza che nessuno gli abbia chiesto di voler perdere. E quelli che danno il meglio di se stessi senza aspettarsi ricompense o riconoscimenti."
Un bellissimo libro che racconta di luoghi meravigliosi e di persone che hanno vissuto senza voler essere protagonisti di alcuna storia se non della propria.

Grazie al ringmaster!
Domattina il libro parte per raggiungere stefyrogg.

Are you sure you want to delete this item? It cannot be undone.