Gli ultimi giorni di Magliano

Registered by tilly77 of Cesena, Emilia Romagna Italy on 2/9/2008
Buy from one of these Booksellers:
Amazon.com | Amazon UK | Amazon CA | Amazon DE | Amazon FR | Amazon IT | Bol.com
This book is in the wild! This Book is Currently in the Wild!
2 journalers for this copy...
Journal Entry 1 by tilly77 from Cesena, Emilia Romagna Italy on Saturday, February 09, 2008
da: http://www.interruzioni.com/ultimimagliano.htm

Mi ammonisce una signora visitatrice,
consorte di grande autorità,
femmina moderna,
psicologa,
novatrice:
"Non si crogioli, dottore,
sul suo vecchio passato manicomiale".
Rispondo:
"Non ne ho tempo, signora.
Sto contando le vostre vittime".

Nel maggio del 1978 viene approvata la rivoluzionaria legge n.180, altrimenti detta "legge Basaglia", che sancisce la chiusura dei manicomi e affida la cura dei malati psichiatrici alle strutture territoriali.

Fiero avversario di questa svolta epocale, che vedeva l'Italia all'avanguardia nel mondo, fu lo scrittore Mario Tobino, direttore dell'ospedale psichiatrico di Lucca. La sua amarezza per il nuovo corso della psichiatria, il suo risentimento verso i rinnovatori della disciplina, la sua sfiducia verso quegli psicologi che vedono nella pazzia soltanto le colpe della società, sono espressi con forza e con passione in questo romanzo, che rimane bello comunque la si pensi circa l'organizzazione delle cure psichiatriche.

Tobino, per quarant'anni medico manicomiale alle prese con le varie forme della follia, dalla schizofrenia alla paranoia alla malinconia, crede che l'ospedale psichiatrico rappresenti la struttura più idonea per trattare la malattia mentale, il luogo dove il malato viene accolto con competenza ed affetto e dove può sostare al sicuro dalle pressioni della famiglia e della frenetica vita occidentale.
Non è un caso, sostiene lo scrittore viareggino, che, all'indomani dell'attuazione della legge, i malati anziché trovare una nuova e gratificante libertà, si suicidino in massa.

La follia è vista da Tobino come una realtà misteriosa e violenta della condizione umana, che gli psicofarmaci, introdotti di recente, - il Largactil è del 1952 -, hanno mitigato, ponendo tuttavia al medico e a coloro che si prendono cura del malato degli angosciosi interrogativi etici. I farmaci permettono sì di addomesticare allucinazioni e deliri, ma costituiscono, nello stesso tempo, una forma chimica di contenzione peggiore forse della camicia di forza.

Anche se è favorevole alla psichiatria manicomiale, Tobino non è per una psichiatria disumana. Anzi ricorda che già dagli anni Cinquanta a Lucca ai malati erano concesse molte libertà, con alcuni di loro si riusciva a instaurare un dialogo. Taluni, guariti, erano dimessi.
Poi arriva la Moda, la Demagogia. I negatori della malattia mentale, spalleggiati dalla stampa e dagli altri media considerano la follia un prodotto della Società e del Potere. Legioni di psicologi, spinti anche dalla necessità di sbarcare il lunario, cercano di dare una spallata alla psichiatria tradizionale, che pure vantava ottimi e motivati medici. Si diffonde un nuovo gergo: "smantellamento, istituzionalizzazione, territorio, settore, inserimento nella società". Parole d'ordine, slogan spesso privi di senso. "Cominciano le riunioni e si fanno fitte".

I rinnovatori della psichiatria mettono all'angolo il vecchio direttore, ormai prossimo alla pensione, lo escludono, lo trattano con sarcasmo, ponendo in discussione l'operato umano e scientifico di tutta una vita.
Ma la follia non si lascia ingabbiare dalla nuova ideologia. Rimane intangibile e reale, espressione enigmatica dell'umano dolore di vivere.

Affiora dai racconti di Tobino la passione per la cura, la dedizione, il sacrificio, l'attenzione, la vocazione di aiutare gli altri; il desiderio di rendere più gradevole la vita ai malati. È un messaggio forte quello che emerge dal libro.

Molte pagine sono dedicate agli infermieri, il cui lavoro è oscuro, ma indispensabile. Tobino dimostra di apprezzarli, ne tiene in gran conto la capacità di lavoro e di osservazione, il buonsenso che spesso, dalle parti di Lucca, origina dalla cultura contadina. Talvolta il vecchio medico dà l'impressione di trattarli forse con un tono eccessivamente paternalistico.
Eppure afferma di sentirsi affascinato dalla teoria di uno di loro, Scipioni, che considera l'assistenza infermieristica una forma di carità continua, un ripristinare senza sosta un'umanità altrimenti perduta.

Nel libro sono forti i ricordi, l'amore per Giovanna, bella, intelligente, aristocratica, elegante, una donna che permette al medico di sopportare la vita di recluso in manicomio. Soprattutto aleggia nelle pagine del romanzo Lucca, con le sue bellezze architettoniche e la dolcezza del paesaggio circostante.
Lo stile di Tobino è esemplare, terso; il suo italiano fra i più belli che sia dato leggere.

Journal Entry 2 by tilly77 from Cesena, Emilia Romagna Italy on Sunday, March 15, 2009
Una testimonianza crudele e bellissima, che ho letto con costante groppo in gola.
Non sono abbastanza informata per esprimermi a favore o contro la famosa legge Basaglia, resta il fatto che un libro del genere non può che fare vacillare, o perlomeno riflettere, anche i più convinti sostenitori.
Quanti "bambini senza culla" sono là fuori senza cure e ci si ricorda di loro solo quando la cronaca li fa uscire temporaneamente dall'ombra?
Negare la follia non può aiutare né "loro" né "noi"...

Journal Entry 3 by tilly77 at -- via posta o passaggio a mano --, Emilia Romagna Italy on Friday, March 20, 2009

Released 11 yrs ago (3/20/2009 UTC) at -- via posta o passaggio a mano --, Emilia Romagna Italy

CONTROLLED RELEASE NOTES:

CONTROLLED RELEASE NOTES:

Spedito a mimonni come RABCK, buona lettura!

Journal Entry 4 by mimonni from Como, Lombardia Italy on Sunday, March 29, 2009
grazie tilly, il libro è arrivato!
:)

Journal Entry 5 by mimonni at Ikea in Grancia, Ticino Switzerland on Thursday, August 26, 2010

Released 9 yrs ago (8/26/2010 UTC) at Ikea in Grancia, Ticino Switzerland

WILD RELEASE NOTES:

Un diario degli ultimi giorni di lavoro di Tobino presso l'ospedale psichiatrico di Lucca dove l'amarezza per la fine di un lavoro che ha appassionato per tutta la vita si unisce alla riflessione sulla legge 180 che chiudendo i "manicomi" lascia però molte persone sole e bisognose di costanti cure e sorveglianza al loro amaro destino. Molto crudele la conta dei suicidi di pazienti che anche contro il loro volere vengono reintrodotti nella società che però non li sa accogliere adeguatamente. Da leggere per capire l'altra faccia dei manicomi, non solo luoghi di segregazione (a torto o a ragione) ma anche luoghi di cura dove la compassione per la malattia mentale poteva spesso dare un punto di riferimento solido ai sofferenti.
Grazie a Tilly per avermelo passato, oggi riprende il suo viaggio.



Ciao! Hai trovato uno dei libri da me liberati!
Se vuoi saperne di più sul bookcrossing e se vuoi partecipare con qualcuno dei tuoi libri, QUI puoi trovare un po' di informazioni. Buona lettura e fai continuare il viaggio al libro che hai trovato. Grazie!:)

Liberazione in occasione del compleanno di Babina!


Are you sure you want to delete this item? It cannot be undone.