La sciamana di Chatsil

by Kim Tong-ni | Literature & Fiction |
ISBN: 8887510296 Global Overview for this book
Registered by -Fuku- of Pisa, Toscana Italy on 7/15/2014
Buy from one of these Booksellers:
Amazon.com | Amazon UK | Amazon CA | Amazon DE | Amazon FR | Amazon IT | Bol.com
This book is in the wild! This Book is Currently in the Wild!
11 journalers for this copy...
Journal Entry 1 by -Fuku- from Pisa, Toscana Italy on Tuesday, July 15, 2014
Una finestra interessante sulla tradizione sciamanica coreana e sui conflitti religiosi e generazionali di ogni paese.
L'autore con questo libro si dice abbia sfiorato il premio Nobel
La prosa in realtà, forse anche per i limiti della traduzione, risulta in alcuni punti un po' innaturale o forse 'teatrale', ma rapidamente ci si immerge nel mondo del piccolo paese coreano in cui vive la sciamana Ulhwa, il cui figlio torna a casa dopo dieci anni di assenza per portare la luce del cristianesimo alla madre e alla sorella. Mentre seguiamo questo scontro abiamo l'opportunità di sbirciare nel modno dei riti sciamanici, nei quartieri più poveri e in quelli più ricchi della Corea d'epoca, e nella mitologia coreana con i suoi spiriti e le sue leggende.
Un libro che ho davvero apprezzato.

Journal Entry 2 by kaiou at Pisa, Toscana Italy on Wednesday, July 16, 2014
Siccome sono molesto e mi interessava questo libro, l'ho intercettato per leggerlo e commentarlo prima del passaggio a mano!

Kim Tong-ni con questo romanzo, ci immerge nella cultura unica della Corea degli anni '30, in cui convivono le pratiche sciamaniche, il buddismo, il taoismo e il più recente cristianesimo, a volte in conflitto tra loro, ma più spesso in coesistenza.

Questa coesistenza viene turbata quando Eul-Hwa, sciamana di successo, ritrova il figlio Yongsul. Avendolo lasciato anni prima ad un convento buddista perché avesse una buona educazione, si sorprende di trovarlo convertito al cristianesimo.

Yongsul è tornato per convertire la sua famiglia alla "vera religione" e si trova coinvolto con la madre in un tiro alla fune per la fede della (ignara e vagamente noncurante) sorella minore.

Le dinamiche famigliari vengono approfondite in maniera piacevole e garbata, a partire dalle vicende che hanno portato la madre sulla via dello sciamanesimo e i rapporti con la sua maestra spirituale, fino al racconto della conversione del figlio.

Mi stupisce una visione pro-cristiana, con il figlio che viene presentato come il più ragionevole ed onesto dei personaggi, aperto e disponibile ad interpretare e cogliere ogni aspetto positivo dello sciamanesimo. Mai intransigente e pronto ad accettare ogni buon insegnamento e valore tradizionale.
Mi fa sentire un po' ingannato, perché mi aspettavo una presa di posizione netta in favore delle religioni locali, contro quella invasiva e molesta.

L'impatto culturale per il lettore italiano, a digiuno di cultura coreana, è impressionante; mi ricorda le mie prime letture di autori giapponesi, intrise di cultura tradizionale e dall'apparenza inestricabile, di citazioni e riferimenti quasi casuali che faticavano a riordinarsi in maniera sensata. A posteriori mi sembrano molto più chiari, ma ho ancora ben presente il senso di estraneità che mi davano. La Corea è un altro mondo, con tradizioni ben caratterizzate e schematizzate, che ricorrono naturalmente nella vita e nelle abitudini di una sciamana. Le storie che racconta durante i riti sono dei piccoli spaccati di leggende difficili da interpretare ma con un grandissimo fascino, grazie alla loro origine variegata.

La traduzione è un po' traballante, a volte una nota a dei termini coreani sarebbe preferibile a delle scelte quasi comiche come il "miglio glutinato e non" nella cantilena sciamanica. Rovina l'atmosfera!

Journal Entry 3 by -Fuku- at Pisa, Toscana Italy on Wednesday, July 16, 2014

Released 6 yrs ago (7/16/2014 UTC) at Pisa, Toscana Italy

CONTROLLED RELEASE NOTES:

Passo a mano a Towandaaa al meeting dei bookcorsari pisani.

Journal Entry 4 by Towandaaa at Peccioli, Toscana Italy on Thursday, July 17, 2014
Grazie !
Si tratta del libro messo in palio da Fuku in abbinamento alla Corea del sud, nell'ambito del gioco collegato ai mondiali di calcio organizzato nel forum di BC Italy

Journal Entry 5 by Towandaaa at Peccioli, Toscana Italy on Sunday, August 31, 2014
Una lettura particolare per me, diversa dai generi che prediligo e distante, poiché sono totalmente ignara circa le tradizioni e la cultura coreana. Con questi limiti (ma comunque priva di pregiudizi) mi sono trovata ad essere spettatrice di vicende che poco mi hanno coinvolta e interessata, anche perché, diciamolo, diverse circostanze hanno reso defatigante e piatta la lettura: l’incedere troppo descrittivo (ai limiti del didascalico, quando sarebbero bastate in tal senso le note); il susseguirsi di digressioni biografiche su ciascun personaggio; la percezione di un quid non risolto nella traduzione (solo per citare un esempio: il “tamburo bipelle”; non so davvero cosa sia, ma ho la presunzione di credere che ci sarebbe stato un modo migliore di indicarlo !).
Astraendo dal contesto storico, geografico e sociale che viene descritto, rimangono i temi universali, senza tempo né luogo, del conflitto religioso (sempre drammatico e doloroso, ma ancor di più quando coinvolge persone appartenenti alla stessa famiglia) e del contrasto generazionale: questioni comunque interessanti, se osservate dall’esterno, ma difficili da capire per chi vi è coinvolto direttamente, data l’univocità del punto di vista sostenuto da ognuno; e riconosco che quest’ultimo aspetto è stato ben espresso dall’autore, fino al tragico epilogo, che lascia increduli di fronte a una svolta innaturale e incomprensibile.
Ma per me rimane incomprensibile anche il fatto che con questo libro l’autore sia addirittura stato candidato al Nobel !

Alla prima occasione utile passerò questo libro a lisolachenonce, così il ring prenderà il via !

Elenco dei partecipanti:

lisolachenonce - Pisa
Éowyn - Prata di Pordenone
bettyderob - Padova
Therese - Perugia
Sonnenbarke - Ancona
etnagigante - Catania
Emotionally - Chieti/Pescara/Napoli
Roppa - Albavilla / Marnate




Journal Entry 6 by Towandaaa at Pisa, Toscana Italy on Friday, September 19, 2014

Released 6 yrs ago (9/19/2014 UTC) at Pisa, Toscana Italy

CONTROLLED RELEASE NOTES:

Lo passo a lisolachenonce stasera, in occasione della cena corsara di settembre

Journal Entry 7 by lisolachenonce at Pisa, Toscana Italy on Saturday, September 20, 2014
Ricevuto da Towandaaa ieri sera al meeting bc del bookcrossing Pisa.
Grazie per il ring.

Journal Entry 8 by lisolachenonce at Pisa, Toscana Italy on Monday, November 03, 2014
Concordo (come al solito, mi verrebbe da dire) con il giudizio espresso da Towandaaa: il conflitto religioso e quello generazionale si intrecciano e rendono sempre più conflittuali i rapporti, appena rinnovati, tra una madre ed un figlio che torna a cas dopo anni di lontananza. Ho fatto molta fatica a finire la storia perché le descrizioni di ambienti e oggetti tradizionali della Corea rurale di un secolo fa mi sono sembrate aliene e difficili da raffigurare, i personaggi molto rigidi sulle proprie posizioni senza nessun tentativo di mediazione.
Anche se ho apprezzato questo ampliamente delle mie conoscenze sull'Estremo Oriente, il mio giudizio resta ancorato ad un 6 stiracchiato.
Grazie in ogni caso per il ring :) che è già nelle mani di Éowyn.

Journal Entry 9 by italianeowyn at Prata di Pordenone, Friuli Venezia Giulia Italy on Sunday, November 23, 2014
Ho appena scoperto di non avere la stessa sensibilità letteraria di Fuku e Kaiou :) Niente: non sono neppure riuscita a finirlo :\ (nel frattempo ho letto "Il Signore degli Orfani" ambientato in Corea del Nord e ci ho lasciato il cuore!)

Ho mandato un PM a Betty per l'indirizzo.
Grazie comunque a Towandaaa per avermi permesso di conoscere l'autore.

Journal Entry 10 by Bettyderob at Padova, Veneto Italy on Sunday, November 30, 2014
Che bello tornare a casa da un viaggio di pioggia ed essere accolti da un libro come questo !
Ne comincio finalmente la lettura e contatto chi dovrà leggerl dopo di me

Journal Entry 11 by Bettyderob at Padova, Veneto Italy on Tuesday, January 27, 2015
Sbirciando I commenti precedenti ne ho notato uno che ne criticava la traduzione, io... l'ho trovata così poetica...
I'll senso pieno del libro l'ho trovato a pagina 108:"La crudeltà degli uominibnasce dall'ignoranza, perciò occorre dare loro una buona istruzioe e portarli verso la luce" è questo I'll senso dell'operato di tutti I protagonisti. La vice della sciamana aveva qualcosa di failiare che le conferiva uno strano potere, quasi potesse entrare nella pelle di chi la ascoltava a p.n59 mi ha fatto risuonare in anima ed orecchie la voce di Giovanni Lindo Ferretti che ora ascolterò in cuffia. Buon viaggio libro

Journal Entry 12 by Therese at Perugia, Umbria Italy on Monday, February 09, 2015
arrivato settimana scorsa, sto per cominciarlo

Journal Entry 13 by Therese at Perugia, Umbria Italy on Monday, February 09, 2015
Questo racconto mi ha molto colpita perchè parla di una realtà che mi era del tutto sconosciuta, io non vedo un giudizio positivo dell'autore solo nei confronti del Cristianesimo, anzi, mi sembra che cerchi di restare abbastanza neutro, racconta il bene che ha compiuto la sciamana ed anche suo figlio quando la vede compiere il rito per purificare dallo spirito del morto si chiede se non sia una pratica equivalente a quella dei preti che scacciano il demonio, credo che la "colpa" di Ulhwa sia quella di lasciarsi possedere dagli spiriti anche al di fuori dei riti, tanto da essere costantemente preda di eccessi.
Mi è particolarmente piaciuta la descrizione del rapporto che s'instaura tra la sciamana e la sua mentore che la adotta come una figlia al fine di trasmetterle conoscenze e poteri e ne riceve una dedizione totale.

Journal Entry 14 by Sonnenbarke at Ancona, Marche Italy on Friday, April 17, 2015
Arrivato ieri da me, grazie!

Journal Entry 15 by Sonnenbarke at Ancona, Marche Italy on Tuesday, May 26, 2015
Purtroppo devo riconoscere di non essere una grande estimatrice della letteratura asiatica, benché ogni tanto ci siano delle eccezioni - delle quali purtroppo questo libro non fa parte.
Naturalmente non so giudicare se sia un problema di traduzione, anche se non fatico a crederlo, ma ho trovato la prosa legnosa e poco scorrevole. Inoltre non mi sono piaciute le mille digressioni per spiegare la vita dei vari personaggi, in particolare della sciamana Ulhwa. Mi pare che contribuissero un po' a far perdere il filo del discorso.
Anche a me è sembrato che la visione dell'autore fosse piuttosto pro-Cristianesimo, e la cosa mi ha stupito. In ogni modo è evidente che ciò che interessa di più l'autore è il conflitto tra le religioni, che non può che finire male - e su questo mi sento di essere d'accordo.
In ogni caso una finestra interessante su una cultura da me poco conosciuta, sebbene anche io fatichi a capire come l'autore abbia potuto essere candidato al Nobel per questo libro.

Journal Entry 16 by Sonnenbarke at -- via posta o passaggio a mano --, Marche Italy on Monday, June 01, 2015

Released 5 yrs ago (6/1/2015 UTC) at -- via posta o passaggio a mano --, Marche Italy

CONTROLLED RELEASE NOTES:

Spedito a etnagigante!

Journal Entry 17 by etnagigante at Catania, Sicilia Italy on Thursday, June 04, 2015
Il libro è arrivato oggi.

Protagonista di questo libro, la sciamana Ulhwa, vive agli inizi del XX secolo nella campagna della Corea del Sud. Alle prese con riti, danze e canti, deve far fronte ai disagi di una vita da emarginata, scontrandosi alla fine col figlio che vuole convertirla al cristianesimo.
Tra danze, canti, e possessioni scopriamo i valori di una società che non esiste più, lontana da noi nello spazio e nel tempo.
Una piacevole scoperta.

Journal Entry 18 by Emotionally at San Giovanni Teatino, Abruzzo Italy on Thursday, September 24, 2015
Il libro è con me. Lo leggerò al più presto.

Journal Entry 19 by Emotionally at Saviano, Campania Italy on Friday, October 12, 2018
Un libro che ho faticato a leggere, perché a parere mio il conflitto generazionale e religioso è molto forzato.
Non mi è piaciuto particolarmente, ho letto altri libri del genere e credo che in questo caso sia stata proprio la trama a non piacermi.
Ho apprezzato però le parti della descrizione della cultura coreana.

Partito stamattina verso Roppa

Journal Entry 20 by Roppa at Albavilla, Lombardia Italy on Tuesday, October 23, 2018
Il libro è da me... già da qualche giorno

Journal Entry 21 by Roppa at Albavilla, Lombardia Italy on Thursday, March 07, 2019
Finalmente, dopo un mese che giravo con il pacchetto in auto, l'ho spedito a Towandaaa
E' un libro "strano" e curioso, non saprei definirlo diversamente

Journal Entry 22 by Towandaaa at Peccioli, Toscana Italy on Monday, April 08, 2019
Appena tornato da me, e presto di nuovo in libertà.
Grazie a tutti i partecipanti

Released 1 yr ago (4/9/2019 UTC) at Liceo E. Montale - sede di Via G. Puccini in Pontedera, Toscana Italy

WILD RELEASE NOTES:

Sul tavolo nel corridoio del primo piano.

Ciao !
se vuoi giocare a questo gioco che si chiama bookcrossing, basta rispettare tre semplicissime regole: fammi sapere che ora questo libro è in buone mani da te (riceverò una e-mail appena avrai scritto qualcosa in questa pagina), dopo averlo letto lascia qui un commento (ed io ne sarò di nuovo informata) e poi lascialo libero di viaggiare ancora, perché possa incontrare altri lettori, passandolo ad un amico o lasciandolo in un luogo pubblico dove qualcuno possa trovarlo. E’ un libro con le gambe, non può rimanere fermo troppo a lungo !
Se prima di lasciare i tuoi commenti in questa pagina ti iscrivi al sito (senza alcun impegno né ingerenze nella tua privacy), anche tu in futuro potrai ricevere tramite e-mail notizie sul proseguimento del viaggio di questo libro.
Se invece non ti iscrivi il tuo commento rimarrà anonimo, e non riceverai aggiornamenti.
Qualsiasi decisione tu prenda, ricorda che questo libro ha una storia di cui ora fai parte anche tu: non fermare il suo viaggio !
Grazie al tuo contributo, questo libro continuerà a raccogliere ricordi fatti di luoghi, emozioni, opinioni e le persone che ti hanno preceduto saranno felici di sapere che il suo viaggio prosegue.
Grazie
Towandaaa

Are you sure you want to delete this item? It cannot be undone.